• Ci occupiamo di case, ma sopratutto di persone.

9.00 a 19.30

Lunedì al Sabato

Via Aldo Moro 24

San Mariano, Corciano (PG)

0755181218

tecnoimmobiliare7@gmail.com

    Confronta gli annunci

    L’ATTO DI PROVENIENZA – La prima verifica da fare per acquistare casa

    L’ATTO DI PROVENIENZA – La prima verifica da fare per acquistare casa

     

    Quando si acquista casa, uno dei controlli più importanti per stabilire la regolarità dell’immobile ed evitare brutte sorprese, è quello che riguarda la “provenienza”.

    Bisogna, quindi, ricostruire i passaggi che hanno portato il venditore ad essere pieno titolare del bene e legittimato a disporne. Per verificare è necessario richiedere l’atto di provenienza.

    Cos’è l’atto di provenienza di un immobile?

    È il documento (atto notarile, successione, sentenza, decreto) che assegna ad una persona la titolarità dell’immobile stesso.

    Chi vende un immobile non deve averlo per forza acquistato oppure può averlo ricevuto in donazione (in questo caso l’atto di provenienza è rappresentato dall’atto notarile di donazione), oppure può averlo ereditato (in questo caso abbiamo la dichiarazione di successione e l’accettazione dell’eredità trascritta nei pubblici registri immobiliari).

    L’atto di provenienza, inoltre, potrebbe essere rappresentato da un provvedimento giudiziale (per esempio usucapione accertata con sentenza da un giudice). Inoltre l’Autorità Giudiziaria può trasferire la proprietà degli immobili attraverso decreti emanati nell’ambito di procedure esecutive immobiliari.

    Cosa contiene?

    Contiene tre informazioni principali:

    1- Chi è il titolare dell’immobile, quindi la persona, fisica o giuridica, che ha diritto di proprietà sull’immobile;

    2- A che titolo è diventato proprietario dell’immobile;

    3- Eventuali clausole di utilizzo, limitazioni, vincoli, servitù o simili.

    Quando serve?

    È necessario per stipulare un atto di compravendita, un mutuo ipotecario o ogni altro atto dispositivo del diritto detenuto.

    Nel caso di compravendita, il documento permette al potenziale acquirente di capire chi sia legittimato alla valida vendita dell’immobile. Se l’immobile è stato costruito dal venditore, occorre l’atto di provenienza del terreno insieme al permesso di costruire.

    Chi lo rilascia?

    Il Notaio che ha rogato l’atto o il giudice.

    Se si tratta di Notaio pensionato o trasferito è l’Archivio Notarile Distrettuale che rilascerà la copia.

    La ricostruzione della “provenienza” non è sempre attività semplice, soprattutto quando essa sia il frutto della sommatoria di fatti, situazioni, documenti, certificazioni.

    Per questo, quando ci si accinge a comprare casa, è opportuno rivolgersi subito ad un consulente qualificato che saprà valutare, nel complesso, la fattibilità dell’operazione.

    Antonella Carotenuto                tel 075 5181218 – 377 4697820

    img

    Tecnoimmobiliare

      Post correlati

      VUOI VERAMENTE VENDERE CASA?

      Vuoi veramente vendere casa? Se stai leggendo questo articolo è perché Hai bisogno di...

      Continua a leggere
      di Tecnoimmobiliare

      CASA NON SI VENDE? COSA FARE!

      (function(h,o,t,j,a,r){...

      Continua a leggere
      di Tecnoimmobiliare

      I SEI ERRORI DA EVITARE PER VENDERE CASA AL MIGLIOR PREZZO

      (function(h,o,t,j,a,r){ h.hj=h.hj||function(){(h.hj.q=h.hj.q||).push(arguments)};...

      Continua a leggere
      di Tecnoimmobiliare

      Partecipa alla discussione